Questo è Rossini! Maxim Mironov presenta il CD al Museo Teatrale alla Scala

Maxim Mironov, in questi giorni Don Ramiro al Teatro alla Scala ne La Cenerentola in scena fino al 5 aprile, presenta il suo ultimo CD - Questo è Rossini! - il 21 febbraio alle 18 nella Sala dell’Esedra del Museo Teatrale alla Scala.

La presentazione, durante la quale Maxim Mironov eseguirà alcuni brani accompagnato dal pianista Michele D’Elia, sarà condotta dal direttore di Amadeus on line Biagio Scuderi.

Questo è Rossini!, prodotto da Illiria Productions e distribuito a partire dal dicembre 2018, include una raccolta di alcune delle più significative composizioni vocali da camera di Rossini, interpretate da Maxim Mironov accompagnato dal pianista Richard Barker che suona un pianoforte d’epoca Pleyel del tutto simile a quello utilizzato da Rossini stesso.

Il CD è abbinato a un libretto digitale in 6 lingue, scaricabile con il codice QR presente all'interno della copertina. Il libretto digitale è completo di presentazione, interventi critici, biografie, immagini, due spartiti completi (lo spartito storico "Addio ai Viennesi" dalla collezione di Sergio Ragni e la nuova revisione curata da Maxim Mironov e da Richard Barker dell'Aria "Amori scendete"). Il libretto digitale permette di avere a portata di click tutto il materiale critico e le immagini di accompagnamento del CD, nel rispetto dell’ambiente. Illiria Productions è stata premiata per il libretto digitale dall’associazione tedesca Bund per la salvaguardia dell'ambiente (https://www.bund.net/)

Il CD, che ha i patrocini della Fondazione Rossini e del comitato Rossini150, è disponibile sul sito https://www.illiria.de/
(Si ringrazia il Museo Teatrale alla Scala che ha accolto con entusiasmo la presentazione di Questo è Rossini!)

Maxim Mironov, tenore russo nato a Tula nel 1981, è tra gli interpreti internazionalmente più apprezzati del repertorio belcantistico.

Ha iniziato i suoi studi a Mosca con Dmitry Vdovin, debuttando a soli venti anni nell’opera Pierre Le Grand di André Grétry. La sua carriera internazionale è iniziata nel 2003 grazie al primo premio vinto al Concorso Internazionale Neue Stimmen in Germania.
Maxim Mironov si esibisce regolarmente in tutti i teatri d’opera più importanti, tra cui il Teatro alla Scala di Milano, La Fenice di Venezia, il Teatro Real Madrid, il Théâtre des Champs-Élysées e l'Opera Garnier de Paris, Staatsoper Wien, Théatre de la Monnaie a Bruxelles, Staatsoper Berlin, Semperoper a Dresda, Las Palmas Opera, Theater An der Wien, Vlaamse Opera ad Anversa, Théatre de Luxembourg, Los Angeles Opera, Washington National Opera, Teatro San Carlo di Napoli.
maxim mironov cd questo è rossini al museo della scala locandinaHa cantato nei più importanti festival estivi, tra cui il Glyndebourne Festival Opera, il Rossini Opera Festival a Pesaro, il Festival di Stresa e il Festival di Aix-en-Provence. 
Ha collaborato con direttori come Alberto Zedda, Donato Renzetti, Bruno Campanella, Evelino Pidò, Vladimir Jurowski, Michele Mariotti, Claudio Scimone, James Conlon, Gianandrea Noseda, Jesus Lopez-Cobos, Giuliano Carella, Gabriele Ferro e Riccardo Frizza. 
Tra i registi teatrali con cui ha lavorato ci sono Pier Luigi Pizzi, Dario Fo, Toni Servillo, Giancarlo Del Monaco, Daniele Abbado, Irina Brook, Sir Peter Hall, Damiano Michieletto e Stefano Vizioli. La sua discografia include numerosi titoli rossiniani (L’Italiana in Algeri, La Cenerentola, Otello, Il Viaggio a Reims, La donna del lago, Ricciardo e Zoraide, Maometto Secondo), i Briganti di Mercadante, Pierre Le Grand di Grétry, Bianca e Gernando di Bellini.
Prodotti e distribuiti internazionalmente da Illiria, ha inciso i CD “La Ricordanza” (2017) con Arie da camera di Bellini e “Questo è Rossini!”, Arie da camera di Rossini.

Michele D’Elia, avviato dal padre allo studio della musica fin da giovanissimo, si esibisce per la prima volta in pubblico all’età di soli sei anni, sia al violoncello che al pianoforte.

Diplomatosi col massimo dei voti e la lode in Pianoforte e in Musica Vocale da Camera, si perfeziona presso il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e all’Accademia Teatro alla Scala di Milano, ove tuttora è uno dei principali collaboratori al pianoforte per l'attività artistica e didattica. In qualità di maestro collaboratore di sala e di palcoscenico collabora con le maggiori istituzioni, esibendosi con prestigiosi solisti e in importanti contesti, tra i quali il Festispielhaus und Festspiele di Baden Baden con Juan Diego Florez, Festival di Verbier, Peralada Festival e Opernhaus di Zurigo con Pretty Yende, teatro Palladium di Roma con Carmela Remigio, Palazzetto Bru Zane a Venezia, Teatro Lauro Rossi di Macerata e Teatro La Fenice di Venezia con Veronica Simeoni e a Milano nei principali luoghi culturali. Richiesto preparatore di cantanti lirici, è impegnato in masterclass di docenti autorevoli come Renato Bruson, Mirella Freni, Luciana Serra, Luis Alva, Raina Kabaivanska, Luciana D’Intino, Katia Ricciarelli e Alberto Zedda. Ha all’attivo diverse incisioni discografiche ed è attento studioso del catalogo operistico di Gioachino Rossini.

Biagio Scuderi, pianista e musicologo, è direttore responsabile di Amadeus on line, Project manager di Amadeus Factory e curatore dei progetti speciali per Cose Belle d’Italia. Nel 2017 ha ideato “Amadeus Factory”, il primo talent dedicato ai giovani musicisti dei Conservatori italiani, dal 2018 in onda su Sky Classica HD. Collabora da anni con l’Università di Catania curando laboratori didattici sulla regia d’opera.